skip to Main Content

Impianti sprinkler e norma UNI EN 12845:2020

Impianti sprinkler e norma UNI EN 12845:2020 1

La norma UNI EN 12845:2020 “Installazioni fisse antincendio – Sistemi automatici a sprinkler – Progettazione installazione e manutenzione”, pubblicata il 27 marzo 2020, specifica i requisiti per la progettazione, installazione e manutenzione degli impianti antincendio automatici a sprinkler.

Questa norma recepisce la UNI EN 12845:2015 + A1:2019 e sostituisce la UNI EN 12845:2015.

Cos’è un sistema sprinkler?

Un sistema automatico sprinkler è un impianto antincendio automatico progettato per rilevare la presenza di un incendio all’interno di un edificio e di estinguerlo con l’utilizzo dell’acqua. Questo impianto può anche essere utilizzato per contenere il propagarsi dell’incendio prima che intervengano altri mezzi a completarne l’estinzione. L’impianto sprinkler è un tipo di protezione attiva antincendio come descritto nel manuale “La protezione attiva antincendio” dell’Inail.

Rientra nei dispositivi che svolgono un ruolo attivo nell’estinzione in quanto, attraverso una pronta rilevazione e una rapida estinzione nella fase di sviluppo, permette di limitare le conseguenze negative che ne potrebbero derivare. L’impianto è solitamente costituito da uno o più erogatori, sprinkler appunto, dislocati in posizioni strategiche all’interno dell’edificio. Questi erogatori sono connessi a una rete di tubazioni e valvole che collegano l’impianto antincendio ad un’alimentazione idrica.

Cosa tratta la norma UNI EN 12845:2020?

La norma UNI 12845:2020 tratta tutto ciò che riguarda gli impianti automatici sprinkler:

  • classificazione dei pericoli;
  • progettazione dell’impianto (che deve tenere in considerazione la struttura dell’edificio in cui verrà installato l’impianto);
  • caratteristiche dei componenti da utilizzare;
  • caratteristiche e tipologie dell’alimentazione idrica;
  • installazione e collaudo dell’impianto;
  • manutenzione dell’impianto.

Quali novità ha introdotto la versione del 2020?

Una novità introdotta dalla versione aggiornata della norma, rispetto a quella del 2015, riguarda l’introduzione della figura della “persona qualificata”, cioè quella persona opportunamente formata, con le competenze necessarie a consentire l’esecuzione delle prove e dei controlli dell’impianto antincendio.

La persona qualificata, incaricata da un organismo indipendente, ha il compito di svolgere, almeno una volta all’anno, le ispezioni periodiche producendo il “rapporto d’ispezione” che servirà a valutare se l’impianto è conforme alla norma UNI EN 12845:2020 per quanto concerne la manutenzione, il funzionamento e l’adeguatezza in relazione al livello di rischio presente nell’edificio in cui è stato installato.

In caso vengano registrate delle incongruità sarà necessario intraprendere delle azioni correttive per annullare le criticità emerse.

Per conoscere i servizi di consulenza in ambito antincendio offerti dallo Studio Zaneboni visita la pagina dedicata, se invece sei interessato a effettuare un corso di formazione per addetto antincendio consulta il nostro catalogo corsi.

Back To Top
error: Content is protected !!